Brindisi n.19/ Cabernet Franc per “l’autostima”

Si chiama Cabernet Franc ma arriva dal Veneto, è prodotto nella zona di Lison-Pramaggiore (dalla Tenuta Santa Margherita) e noi riusciamo a berlo ad Alessandria mangiando sushi giapponese. Il brindisi con Francesca (che con gli stranieri ci lavora) è davvero un viaggio intorno al mondo. E i viaggi (nostri o degli altri, reali o esistenziali) diventano…

Brindisi n.18/ Nebbiolo “per ripartire da zero”

Questo è uno di quegli incontri “iceberg”, quelli in cui vorresti dirti un sacco di cose ma per qualche motivo non riesci e allora parli, parli, parli, di tutto ma in realtà di niente. Resti sulla punta dell’iceberg ad aggiornarti su lavoro, impegni, pettegolezzi, insomma sui tanti giorni in cui ci si è persi di…

Brindisi n.15/ Il rosè di Lanati per “Pinocchio”

Un amico mi ha fatto scoprire Gio Evan, poeta urbano, il lavoro invece mi ha fatto scoprire Donato Lanati, enologo premio Oscar del vino, e il suo rosè Pisopo, con Pinocchio sull’etichetta: “E’ un modo per ricordarmi che il vino può essere bugiardo e per questo va controllato, analizzato e smascherato” svelava in un’intervista (Scopritelo qui e qui)….

Brindisi n.14/ Vino toscano bio per “l’autunno e gli astigiani”

Astigiani geniali: c’è un gruppo di residenti (fortunati) che abita nel quartiere Cattedrale, centro storico di Asti e ad ogni solstizio ed equinozio apparecchia in piazza e festeggia. Fortunata anch’io ad averli “intercettati”, così per caso, passeggiando per Asti. E loro erano lì, all’ombra della luna, e della Cattedrale: un grande tavolo, una torta asburgica…

Brindisi n.12/ Barbera d’Asti per “gli anni di lavoro”

Mentre sfogliamo il menù siamo ancora un fascio di nervi e stanchezza per la giornata appena archiviata, al momento del caffè cantiamo “Hop Hop Hop somarello, trotta trotta il mondo è bello”: ed bello pure cenare con Daniele, parlare a ruota libera di surreali incontri lavorativi e alla fine riderci su. In fondo restiamo quelli…

Brindisi n.11/ Ruché al “Turning Tables”

Ecco un aperitivo catartico, salvifico e consolatorio, parentesi di giornate tormentate, una mano tesa reciprocamente in mezzo a sabbie mobili di pensieri: due amiche erranti per la città, unite da dubbi, problemi e fragilità simili. Un giro di tapas – vino, stuzzichini (di verdure), comprensione e solidarietà al Nos3ss di Alessandria – per convincerci che…

Brindisi n.10/ Grignolino per il “Diavolo Rosso”

Tra sacro e profano, ci scappa un Grignolino: il locale è il Diavolo Rosso (guardalo qui), sempre Asti, sempre nel contesto della Douja (il grande festival dei vini: ecco il programma ), è una chiesa sconsacrata, trasformata in teatro per concerti e ristorante per cene piemontesi. Ed è anche una canzone di  Paolo Conte: “Diavolo rosso dimentica…

Brindisi 9/ Primitivo di Manduria per “la Puglia da ritrovare”

Asti è Douja d’Or (ecco il programma), è conquistarsi il bicchiere da tenere al collo e i buoni per le degustazioni, è trovare sulla mappa gigante appesa tra gli stand zeppi di bottiglie la Regione giusta del vino da scoprire. “Sei pugliese: scegli un primitivo, no?”, il suggerimento è di Giulio Morra, il Fotografo de…