Brindisi n.22/ Martini e Negroni per “Jodorowsky” e “le rane”

il

In fuga dalle nebbie (solo metaforiche, per ora) di Alessandria, e da tutto quello che in una giornata di nuvole e pensieri mi lega alla città sul Tanaro, approdo sulle rive di un altro fiume, il Ticino, tra studenti universitari, bar e torri medievali. E ci trovo il marinaio Jhon, che parla la mia stessa lingua, disposto a imbarcarsi in discorsi profondi, complessi, sinceri. Con un Martini Dry (lo prendo perché ha l’oliva) e un Negroni, due appassionati di tarocchi si leggono il passato senza bisogno di Arcani Maggiori. Nel futuro invece c’è il tarocco n.22, quello che esiste solo nel blog (gli Arcani vanno dallo 0 al 21): il Prosit, la carta del buon auspicio. E poi il presente che, in questo caso, è un navigar lieve tra Tanaro e Ticino.

Partecipanti, 2: io e il Jhon

Un brindisi per… Jodorowsky (scrittore e studioso dei tarocchi) e per le rane, che ci stanno simpatiche (hanno pure un museo dedicato, in Svizzera, da visitare: leggere per credere). E poi mi piace questa teoria: se metti una rana in una pentola di acqua bollente, di colpo, lei per istinto salterà fuori e si salverà, ma se invece si trova già nella pentola e l’acqua si scalda a poco a poco, lei non se ne accorgerà, non farà in tempo a reagire e morirà (ognuno applichi la metafora come meglio crede).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...