Brindisi n.33/ Un Moscato d’Asti per “la pagina bianca”

Un giorno senza scrivere, 24 ore senza leggere, impegni annullati, pensieri spenti, orologio nel cassetto: ecco la mia personale “giornata nazionale della pagina bianca”. E’ quella che separa un capitolo da un altro, senza parole, vuota. Ma indispensabile. Un pit stop, fisico e mentale. Silenzio. Amata solitudine, cantava Battiato. C’è chi lo chiama “anno sabbatico”…