Brindisi n.34/ Un Dolcetto d’Alba per “Barbara Spinelli”

il

“Un vino a tutto pasto di facile beva”: è scritto sull’etichetta del Dolcetto d’Alba Costa delle Viole di Cascina Saria (E’ a Neive, nel Cuneese: lo trovate qui). Talmente facile che si abbina con “la qualsiasi”, incluso un hamburger vegetariano, per una pausa light che però all’ultimo boccone mi fa dire: “Ma perché non l’ho scelto di carne vera?”. Ci casco ogni volta. Prendo appunti sulla tovaglietta di carta, perché il brindisi è pieno di spunti, concetti difficili e parole straniere. Basta pensare alla dedica (non mia): “Questo Prosit è a Barbara Spinelli”. La giornalista, scrittrice e politica italiana è tra gli interlocutori prediletti (“ma bisogna passare dal portavoce”: e pare che sia la nota dolente) della persona (anonima, questa volta) che condivide con me Dolcetto d’Alba e burger veg. Speriamo serva a snellire i passaggi e accelerare il suo incontro con la Spinelli. “Vi faremo sapere”. Per ora, non ci resta che il Dolcetto. Ah Barbara, vedi di palesarti però!.

Partecipanti, 2: io e persona anonima.

Un brindisi per… “Barbara Spinelli”, e con una dedica del genere questo Prosit si aggiudica il primo premio tra i brindisi più assurdi che mi siano capitati finora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...