Brindisi n.57/ Bollicine di Gavi alla “montagna e alle cene degli altri”

Sostituisco un collega all’ultimo minuto a una cena Lions nel ristorante Due Buoi (guardatelo qui, ha 1 stella Michelin) e così scopro Hervé Barmasse“il figlio del Cervino”, l’alpinista più famoso e affascinante del momento: è l’ospite d’onore. Non lo avevo mai letto, né mi ero mai interessata ai suoi record, né conosco il film sulle sue gesta con il padre. Detesto la montagna, per me vuol dire solo gambe rotte e freddo (contemplo però polenta e vin brulè), ma Hervé mi ha fatto ricredere. Ci racconta la sua idea di felicità e il suo giorno più bello, il 14 marzo 2014, lui solo, le mani consumate dal vento, il fisico provato dal freddo, la parete di roccia a strapiombo, la sfida con la paura e i propri limiti, la montagna amica, in cima al mondo con se stesso e basta. “Credo che la felicità abbia a che fare con l’essere e il fare esattamente ciò per cui si è nati” dice, è una questione di sintonia con se stessi, è il combaciare con la propria storia. Prima del suo racconto, la cena: assieme a ravioli di magro burro e salvia, brasato di purè di patate classico e bunet con spuma all’amaretto, brindo tra me e me con un calice di bollicine Roverello dell’azienda Broglia nel Gavishire (ho avuto il piacere di visitare questa tenuta, e assicuro: è una meraviglia, sicché per un tour virtuale cliccate qui).

Partecipanti, almeno una cinquantina, ma il brindisi è “tra me e me”.

Un brindisi per “la montagna” che i racconti, le foto, i video di Hervé mi hanno fatto venir voglia di rivalutare, forse merita una seconda chance. E alle “cene degli altri”, perché questa sera non ci sarei dovuta essere io qui, ma alla fine le sorprese hanno sempre un loro senso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...