Brindisi n.83/ Un Novello di Monferrato Rosso per “la pizzata elettorale”

Il bello delle elezioni? Seguirle, commentarle, mangiarci (e brindarci) su, assieme agli amici. In genere pizza, come questa volta: “pinza” ai funghi, una romana, farinata (take away: qui, da Planet Pizza) e poi humus e verdure kasher. Si comincia alle 20,30. Obiettivo: aspettare il discorso di Renzi a mezzanotte. Ce la facciamo, a metà. In mezzo ci sono ore di cibo, chiacchiere, aggiornamenti sull’affluenza, mini exit-poll casalinghi, pronostici, scommesse, ipotesi di scenari futuri. Tra renziani e dalemiani c’è pure spazio per i “vulcaniani”, una nuova categoria gastronomica inventata sul momento, che grosso modo consiste nel mangiare cibi “passati e sconditi” (la fonte d’ispirazione è l’humus preparato da uno degli amici: buonissimo, ma molto, molto light). Dobbiamo ancora decidere come e se il vino può farne parte, nel dubbio riempiamo i calici con un Novello di Monferrato Rosso della cantina sociale di Mantovana, 12°, un sapore “fragoloso” piacevole, e un’etichetta simpaticissima scritta in prima persona: “Buongiorno, mi presento: sono Novello, ho 40 giorni… esprimo l’amore per il territorio e la passione per la vite… “(la trovate qui). La colonna sonora, la fa Chicco (Mentana), che a giudicare dalla forma è sicuramente un “vulcaniano”.

Partecipanti, 4: io e gli amici Barak, Ste Fania e Alessandro.

Un brindisi per… “la pizzata elettorale”, intesa come magnata collettiva di pizza aspettando e commentando lo spoglio elettorale, con la consapevolezza che seguirlo in solitaria sarebbe stata una “pizza” sì, ma intesa come noia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...