Brindisi n.90/ Un prosecco per “due migliori amiche a Torino”

“Io non bevo mai”: le ultime parole famose di Mary. Poi, al secondo tramezzino, del prosecco di Valdobbiadene non c’è più traccia. Sono riuscita a far un brindisi alcolico con la mia migliore amica (quasi) astemia. Ci siamo lasciate convincere dal suggerimento enologico del cameriere del Caffè Mulassano, in piazza Castello a Torino (fateci un giro cliccando qui qui!), 31 metri quadrati di legni antichi, storia, scritte anni Cinquanta (memorabile quella del Punt e Mes), scricchiolanti banconi in parquet, tavolini di marmo, piatti con un centrini di una volta, gli specchi, l’ottone delle boiseries. Ti aspetti che da un momento all’altro entri il conte Cavour con la bombetta o Mario Soldati a prendere appunti. E poi, qui è nato il tramezzino, lo ricorda anche una targa: “Nel 1926, la signora Angela Demichelis Nebiolo, inventò il tramezzino”, ma il nome lo coniò Gabriele D’Annunzio. La lista è formato lenzuolo: io ho preso il “Garibaldino” con tonno, pomodori secchi e salsa di pomodoro, e poi uno con i gamberetti e la polpa di granchio, Mary anche un tramezzino con gorgonzola e noci, perfetto quindi il matrimonio col prosecco che riequilibra i gusti forti e il salato. E il tempo si è fermato, la sensazione era di un abbraccio, di quelli che ti rassicurano, che sanno di infanzia e di lealtà. Un giorno semplice, come semplice è questa Amicizia allo stato puro, che non ha neanche bisogno di (ri)confermarsi perché è appurata, dolomitica, certa, vera.

Partecipanti, 2: io e Mariarosa, amica da 35 anni.

Un brindisi per “una giornata tra amiche a Torino”, una di quelle che poi si ricordano per tutta la vita: abbiamo preso il treno, girato nel centro storico (12 mila passi), pranzato da Mulassano, fotografato la Mole Antonelliana. Quindi, merenda con cioccolata calda da Fiorio, e visita al Museo Egizio. Otto ore di chiacchiere, confidenze, calore, spensieratezza, dimentiche dei nostri acciacchi, coerenti con il cielo, limpido senza una nuvola.

noi
Eccoci, in piazza Castello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...