Brindisi 172/ Una Ribolla Gialla per “i cugini ritrovati”

il

Siamo a 166 metri di altezza, appena due in meno della Mole Antonelliana in evidenza sullo skyline. “Piano 35”, il grattacielo di Intesa San Paolo: dieci anni fa, quando ho lasciato Torino (per Alessandria), era appena stato partorito da quel genio di Renzo Piano, l’archistar (e senatore a vita) che fa grande l’Italia. Oggi è la destinazione di uno dei miei primi aperitivi nella ritrovata Torino con un ritrovato “cuginetto”. Deposti il cappello da chef (lui) e la penna da giornalista (io), scegliamo una Ribolla Gialla del Friuli, e tagliere di formaggi e affettati, per rilassarci tra chiacchiere e aggiornamenti sulle reciproche vite. Per entrée, patatine e mandorle, con un bicchiere di acqua aromatizzata. E’ un Lounge Bar (al piano di sotto c’è il ristorante), con tutti gli ingredienti del caso: musica soft di sottofondo, i clienti che brindano tutti rigorosamente sotto voce (si accede solo se c’è posto a sedere, altrimenti niente), gli educatissimi (e preparatissimi) camerieri, la carta dei cocktail (del bartender Mirko Turconi), il panorama (of course) sulla città che vista da qua sembra una cartina in versione “satellite” di Google Maps e il finger food su piatti grigio ardesia preparati dallo staff del ristorante (“cucina materica, contaminata, contemporanea” la definiscono al Piano35). La nostra Ribolla – vitigno friulano: deve il nome alla sua elevata acidità malica che, in passato, causava il “ribollire” del vino nelle damigiane – è brut, elaborata con il metodo charmat lungo, fresca, un po’ acida e amarognola, dal gusto rotondo, e il profumo intenso e agrumato. Ci piace.

Partecipanti, 2: io e chef Remo (cugino)

Un brindisi per “i cugini ritrovati” e i prosit ad alta quota: salire in alto aiuta a contestualizzare i problemi, ridimensionarli, risistemarli, almeno in senso figurato, dentro case, uffici, parchi, scuole, insomma dentro i luoghi dove di solito si (e ci) consumano. E sorvolarli. Da quassù siamo Gulliver di fronte a lillipuziane preoccupazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...